Cosa serve per entrare in Stati Uniti?

Negli ultimi anni, il numero di visitatori che ha scelto di recarsi negli Stati Uniti è nettamente aumentato. Complici la voglia di inseguire il sogno americano e il desiderio di trovare nuovi porti in cui lanciarsi in diverse avventure.

Gli Stati Uniti sono divenuti ormai una meta sempre più ambita non solo da parte dei giovanissimi, ma anche dai viaggiatori esperti alla ricerca di una destinazione in cui poter tornare ogni volta in cui si ha voglia di immergersi in una cultura differente e, proprio per questo, estremamente affascinante.

Occorre, allora, dotarsi di tutti i documenti necessari per l’accesso negli Stati Uniti, così da organizzare il proprio viaggio al meglio.

Come richiedere i documenti necessari

Oltre al tradizionale passaporto, i cittadini che vorranno entrare negli Stati Uniti dovranno essere in possesso di un’autorizzazione di viaggio elettronica, nota ormai con l’acronimo di Esta.

Si tratta, in particolare, di un modulo da compilare al momento della prenotazione del viaggio e non oltre le 72 ore precedenti l’imbarco sul volo per gli Stati Uniti.

Prima di andare oltre, è necessario fare una precisazione: l’Esta permette al visitatore di imbarcarsi sui voli per gli Stati Uniti ma non assicura l’effettivo accesso al territorio, per il quale è necessario attendere l’autorizzazione da parte delle autorità doganali che si incontreranno direttamente nell’aeroporto della città di destinazione.

La procedura per la richiesta del certificato Esta è semplice e compilabile online alla pagina: https://application-esta.us/application.

Una volta effettuato l’accesso sul sito dell’ambasciata americana, sarà possibile seguire la procedura guidata e fare tutto direttamente da casa.

In genere, vengono richiesti:

 

  • i dati identificativi del viaggiatore,
  • il suo numero di passaporto,
  • una scansione di un documento di identità,
  • il pagamento di una piccola tassa di servizio.

Una volta effettuato il pagamento, la richiesta verrà processata e il richiedente riceverà l’autorizzazione Esta direttamente sulla sua casella di posta.

Potrebbe accadere, in alcuni rari casi, che la richiesta venga momentaneamente respinta: in questo caso, potrebbe essere necessario inviare altri documenti, utili per effettuare i controlli del caso.

Raramente una richiesta viene rigettata in maniera definitiva ma, qualora dovesse accadere, sarà necessario mettersi in contatto direttamente con l’ambasciata americana e prendere accordi circa le modalità di rilascio del documento o di altri certificati di viaggio.

Validità, rinnovo e obblighi di legge

Una volta effettuata la richiesta, il certificato Esta verrà collegato al passaporto e avrà validità di due anni o scadrà insieme al passaporto (farà fede la data più vicina).

Se, ad esempio, il certificato Esta viene richiesto nel 2017 ma il passaporto scadrà nel 2018, anche il certificato scadrà nel 2018 e non in data successiva.

Non sarà necessario richiedere un nuovo certificato ogni qualvolta ci si recherà negli Stati Uniti nel lasso di tempo coperto dal primo certificato richiesto ma sarà obbligatorio procedere con un nuovo rilascio dopo la scadenza.

Nel complesso, si tratta di un documento essenziale per il controllo del flusso di visitatori provenienti da tutto il mondo, semplice da richiedere e subito attivo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*