Hotel nel Salento sul mare: un consiglio per le tue vacanze

hotel-panoramico-castro

Il Salento rappresenta una delle mete turistiche più belle d’Italia. Nel “Tacco della Penisola”, territorio idealmente delimitato su tre lati dal mare e sul quarto dalla linea immaginaria che collega Taranto ad Ostuni, si trova tutto il necessario per una vacanza indimenticabile.

Il Salento – paesaggi incantevoli e sapori straordinari

Il mare cristallino e dai colori che variano dall’azzurro al turchese, si qualifica come una irresistibile attrattiva turistica, per bellezza dei paesaggi e qualità delle acque.

Anche i tipici sapori del Salento richiamano, nella loro essenza, il travagliato passato e le dominazioni che ne hanno determinato il volto attuale, ma anche l’origine contadina, l’amore per la terra, sebbene arida e argillosa, la munificenza e la generosità dei mari che lo lambiscono.

Dai prodotti della terra, come la cicoria, i legumi, le rape, e del mare, come il polpo e il pesce azzurro, si ottengono piatti dal sapore inconsueto e antico, impreziositi ed enfatizzati dal pregiato olio extravergine di oliva ottenuto dalle piante secolari che caratterizzano il paesaggio rurale del Salento.

Dove alloggiare in Salento

Le località dalla vocazione turistica più marcata, dove l’ospitalità si sposa con le bellezze del paesaggio, si trovano sia sul versante adriatico che su quello ionico. Su quest’ultimo i celebri comuni di Gallipoli e Porto Cesareo, sulla costa adriatica, centri come Otranto, Melendugno, Santa Cesare Terme e Castro, offrono strutture ricettive di alto livello dalle quali è possibile raggiungere agevolmente ogni angolo del Salento, per unire al piacere del mare caraibico, il fascino delle escursioni enogastronomiche e culturali.

Castro, in particolare, merita di essere segnalato per la sua posizione strategica e per le meraviglie di cui dispone. Situata a soli 15 chilometri da Otranto e ottimamente collegata con Lecce, Santa Maria di Leuca e Gallipoli, Castro è l’erede dell’antica città romana Castrum Minervae, e vanta un centro storico di impronta medievale che si erge su un promontorio posto a quasi 100 metri sul livello del mare.

Proprio qui sorge uno degli hotel nel Salento sul mare, l’Hotel Panoramico, che coniuga la buona cucina salentina a base di pesce fresco e non solo, ad una vista mare sulla Baia di Castro.

Una soluzione ideale per chi cerca relax, buon cibo e un mare cristallino.

Cosa vedere a Castro – le meraviglie del borgo e il fascino della Zinzulusa

Tra le viuzze del borgo si erge, maestoso, il Castello Angioino, edificato nel XIII secolo su una superficie di ben 1.200 metri quadrati, precedentemente occupata da un’altra struttura di origine bizantina. Progettato come una possente fortezza, il castello fu più volte assaltato dai Turchi e altrettante volte ricostruito e fortificato, fino al completo abbandono, avvenuto alla fine del 1700.

Poco distante dal maniero, si trova la Cattedrale, la cui costruzione ebbe inizio nel 1171 su ciò che restava di un antico tempio greco. Realizzata con la pianta a croce latina composta da un’unica navata, fu completata e rimaneggiata nei secoli successivi. La chiesa, infatti, vanta due splendide facciate laterali quattrocentesche e un altare barocco, mentre nel ‘600 un corposo intervento ne sostituì il tetto in legno.

L’interno della cattedrale è arricchito da numerose tele che ritraggono scene di vita di santi ed effigi mariane.

Castro Marina costituisce la parte bassa del centro pugliese, edificata sul mare, tutt’intorno al pittoresco porto. Dotato di naturale profondità, quest’ultimo si divide in due bacini separati: il Porto Vecchio, rivolto a occidente, e il Porto Nuovo, orientato verso est.

La costa è alta e rocciosa, caratterizzata da pareti aspre a picco sul mare. Tra queste si apre la grotta detta Zinzulusa, una scenografica e profonda caverna che si apre ai visitatori con una cavità alta ben 15 metri, ricchissima di stalattiti, gli “zinzuli”, gli “stracci” che danno il nome al sito.

La grotta Zinzulusa, la più nota del Salento, sebbene sul mare è visitabile accedendovi via terra, grazie ad un apposito sentiero ottenuto sulla roccia della costa alta.

Il comune salentino si caratterizza come centro peschereccio e balneare, mentre il suo territorio, di poco più di 4 chilometri quadrati, rientra nel “Parco Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase”, di istituzione regionale.

Il confine che separa il Mar Ionio dal Mar Adriatico, secondo il bollettino dei naviganti, passerebbe proprio da qui, precisamente in corrispondenza di Punta Mucurune. In ogni caso, la posizione di Castro rende il comune una base eccellente per partire alla scoperta dell’intero Salento.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*